Alessandro Magno e Bucefalo

Alessandro Magno e Bucefalo

Ci sono storie affascinanti, intrise di leggenda, che ci colpiscono e ci incantano. E ci sono storie, come quella di Alessandro Magno e Bucefalo, meravigliosamente vere, in grado di stupirci e di farci sognare.

Questa leggenda è stata raccontata dallo storico Plutarco nelle Vite parallele.

Lo storico ci dice che Bucefalo veniva dalla Tessaglia (la stessa regione da cui provenivano i centauri) ed era un esemplare magnifico, dal manto morello, con una sola stella in fronte e un occhio azzurro. Portava il marchio di una testa di bue su un fianco e, infatti, Bucefalo in greco significa “testa di bue”.

Aveva una massa imponente e un’ancor più grande personalità.

Si narra che il suo proprietario, l’allevatore Filonico, lo portò al re Filippo, perché lo comprasse, ma il cavallo non concedeva a nessuno di montargli in groppa. Solo Alessandro, che lo aveva osservato attentamente, si accorse che Bucefalo era spaventato dalla propria ombra e che per questo non si lasciava avvicinare.

Allora Alessandro propose al padre una scommessa: se fosse riuscito a montare bucefalo, il padre avrebbe dovuto sborsare la cifra necessaria a comprarlo, pari a 13 talenti (una cifra milionaria per l’epoca), Se invece avesse fallito, sarebbe stato lui stesso a pagare l’intera somma.

Carlo Magno in sella a BucefaloCosì, con grande stupore di tutti, il giovane principe, si avvicinò a Bucefalo e con una carezza lo fece voltare verso il sole, in modo che il cavallo non potesse vedere la propria ombra. Lo spronò a un leggero trotto, tenendogli una mano sul fianco e correndo accanto a lui. Quando ebbe capito che Bucefalo era pronto, e che non vedeva l’ora di correre, con un salto gli monto in groppa, e attraverso la voce e un leggero colpo di talloni, lo lanciò al galoppo, verso il deserto.

Tutti rimasero a bocca aperta a guardare il giovane cavaliere e il suo cavallo indomabile galoppare a perdifiato fino al limitare dell’orizzonte e poi tornare indietro come un’unica creatura, in perfetta armonia.

La leggenda narra che da allora solo Alessandro poteva montare Bucefalo e che il cavallo gli fosse fedele fino alla morte. In sella a Bucefalo, Alessandro Magno conquistò gran parte dell’Asia e del Medio Oriente, arrivando fino in India. Ma nella battaglia dell’Idiaspe, il cavallo fu ferito gravemente. Nonostante ciò non volle abbandonare il cavaliere e così, ignorando le ferite e il dolore, non abbandonò Alessandro e lo portò per l’ultima volta alla vittoria.

Solo alla sera, quando la battaglia si era ormai conclusa ed erano tutti al sicuro nelle proprie tende, Bucefalo si accasciò a terra e si preparò a salutare il compagno di una vita.

Morì nel 326 a.C. in seguito alle terribili ferite riportate, e fu seppellito con tutti gli onori militari riservati ai grandi generali. Dove c’era la sua tomba Alessandro fondò una città, Bucefalia, che esiste ancora oggi con il nome di Jalalpur, nel Rajasthan.

Originaria di Verona, ho ventidue anni e da sempre vivo per i cavalli. Ho iniziato a montare quando avevo due anni, grazie ad una parente che gestisce un maneggio, e da allora non ho mai smesso. Finalmente, un anno fa, ho coronato il sogno di avere un cavallo tutto mio, e ora ho un meraviglioso Purosangue Inglese di quindici anni. Principalmente lavoriamo in piano ma abbiamo anche partecipato ad alcune piccole gare di Gimkana. Sono diplomata in Scienze sociali e studio Design all’accademia di belle arti di Verona. Adoro scrivere, e quindi ho deciso di unire questa passione a quella per i cavalli, entrando a far parte della redazione di questo blog.

Un commento

Lascia un commento